Origine degli stili

Bisognerà aspettare la seconda metà del 19° secolo per vedere superare questo giudizio. Così lo stile crawl fu “ perso “ per secoli, comunque si pensa che le popolazioni che risiedevano sull’oceano praticassero una sorta di bracciata crawl ma nella cultura occidentale solo nel 20° secolo riapparirà questo tipo di nuotata. Nell’era moderna, i primi sviluppi di un crawl primitivo si ebbero grazie all’influenza di Alick Wickhann, un nativo delle Isole Salomone Britanniche ( oceano pacifico ) che emigrò in Australia nel 1898. Lo stile inusuale per il tempo con le bracciate alternate fuori dall’acqua venne notato nella Baia di Sydney dalla famiglia di professori di nuoto australiani, i Cavill. I Cavill notarono che quel tipo di bracciata associata ad una battuta di gambe produceva una propulsione maggiore e quindi una velocità superiore. Dall’evoluzione della nuotata crawl vennero le altre nuotate, il dorso ed il delfino.

Il passaggio dalla rana alla bracciata laterale. E’ facile immaginare come la bracciata laterale evolse dalla rana. In effetti, le prime bracciate laterali erano in verità bracciate a rana nuotata con il corpo ruotato su di un lato. I nuotatori trovarono che il ruotare su di un lato il corpo gli permetteva di incontrare meno resistenza dell’acqua come scrive Sachs nel 1912. Inizialmente la bracciata laterale era nuotata con ambedue le braccia nell’acqua; questa è nota come bracciata laterale subacquea ( underarm side stroke ) e fu la bracciata dominante nelle competizioni tra il 1855 ed il 1870/75. Con l’avvento dei campionati di nuoto organizzati in Inghilterra dal 1871, la ricerca di unamaggiore velocità incoraggiò i nuotatori a ricercare più efficacia nella bracciata. Il desiderio di migliorare la tecnica venne aumentato anche dal fatto che fino al 1906, non c’eranogare con stili differenti ma, come afferma Counsilman, i nuotatori potevano usare qualsiasi stile che volevano.

Come affermato in precedenza, quando iniziarono le competizioni organizzate nel 19° secolo, la bracciata laterale era lo stile standard; le braccia rimanevano ambedue nell’acqua e le gambe eseguivano un largo movimento a forbice simile al camminare.